Da tempo ci occupiamo di questioni relative all'utilizzo dei dati per elaborare proposte conformi alla protezione dei dati per una gestione sicura ed etica dei dati nel sistema formativo. Il punto di partenza delle riflessioni sul futuro utilizzo dei dati è l'analisi dei flussi di dati. Nel primo podcast della serie «I dati nello spazio formativo digitale» Fatima Montandon e Edouard Lamboray discutono che cosa sono esattamente i flussi di dati, perché sono alla base della nostra analisi e cosa possiamo ricavare dai flussi di dati di oggi per il loro futuro utilizzo.

0:00 -:--
Scarica il podcast (in francese)

Il podcast è disponibile secondo le licenze Creative Commons CC BY-NC-ND .

La serie di podcast «I dati nello spazio formativo digitale» sarà completata da altri episodi nei prossimi mesi. In brevi conversazioni con ospiti interni ed esterni esploreremo nel contesto dell'utilizzo dei dati altri temi come l'intelligenza artificiale, la conformità alla protezione dei dati nelle scuole o il riutilizzo dei dati. Si abboni alla nostra newsletter per non perdere neanche un episodio.

Dossier Educa

Dal flusso allo spazio dei dati dell'educazione

Dove fluiscono i dati nel sistema formativo? Nel dossier di Educa «Dal flusso allo spazio dei dati dell'educazione» vorremmo condividere le nostre riflessioni sui flussi e sugli spazi dei dati e, con il suo aiuto, acquisire nuove conoscenze.

Articoli correlati

La collaborazione con progetti di utilizzo dei dati ci permette di far luce sull'ecosistema dei «dati dell'educazione», sulla base di casi concreti tratti dalla pratica, e di testare delle soluzioni per le diverse parti interessate. Le esperienze fatte finora lo dimostrano: malgrado l'eterogeneità, le problematiche da affrontare sono le stesse.

La nuova legge federale sulla protezione dei dati (nLPD) entrerà in vigore il 1. settembre 2023. Cosa significa la nuova legge sulla protezione dei dati per le scuole? Innanzitutto, per le scuole pubbliche, si applica come prima la rispettiva legge cantonale sulla protezione dei dati.

In un mondo digitale, la trasmissione dei diplomi e dei certificati di lavoro analogici pone problemi e genera una montagna di dati personali. I giustificativi digitali possono essere d'aiuto in questo senso, poiché migliorano due aspetti: la connettività – ovvero la trasmissione nel modo più semplice possibile – e il risparmio di dati di tali scambi. Nel quarto video della serie «Blockchain nella formazione» vi mostriamo come si effettua concretamente tutto ciò.